Team building: 3 idee "rinfrescanti" per l'estate - Il blog di Smart Eventi
Team Building

Team building: 3 idee “rinfrescanti” per l’estate

rafting team building
Scritto da Angela

Il team building difficilmente suscita reazioni “tiepide”: c’è chi non farebbe altro tutto il giorno e chi invece lo detesta. Non c’è da stupirsi: le attività che di solito vengono scelte per i progetti di team building tendono ad avere poche vie di mezzo. Se non si tratta di un’esperienza coinvolgente ed entusiasmante, è facile che si tratti di una noia mortale. Noi organizziamo team building aziendali da anni e abbiamo imparato una cosa fondamentale: un team building al quale i membri del gruppo partecipino solo perché costretti o per non dare una cattiva impressione di sé non servirà a nulla. Se scegliete di organizzare un team building per la vostra azienda, quindi, il nostro consiglio è di lasciar perdere le mezze misure: scegliete attività uniche, insolite, che i vostri dipendenti siano entusiasti di provare e che difficilmente avrebbero modo di svolgere in altre circostanze. La vostra migliore alleata, in questo momento, è la bella stagione. Il caldo espande notevolmente le possibilità, quando si tratta di team building. Ecco tre idee che susciteranno l’entusiasmo del vostro team.

Team building senza frontiere

team building senza frontiereGli anni ’80 ci hanno regalato ricordi indelebili di uno show televisivo chiamato “Giochi senza Frontiere”. Per anni abbiamo guardato i concorrenti sfidarsi in prove di abilità, forza, equilibrio e velocità in ambienti assolutamente incredibili, fra gigantesche strutture gonfiabili, piscine, gavettoni e mille altre coloratissime trovate. Per anni abbiamo desiderato di poter provare anche noi a cimentarci con quei percorsi impossibili. Oggi possiamo farlo con relativa facilità: tutto quello che serve è un minimo di organizzazione logistica e molta fantasia. Dal momento che non si tratta di veri e propri sport, queste attività possono essere svolte anche da chi non è allenato e garantiscono ore di divertimento, ma anche la possibilità di mettere alla prova abilità specifiche che tornano utili nella vita lavorativa. L’estate è il momento ideale per questo genere di team building, dal momento che è possibile scegliere location all’aperto, magari in spiaggia, e utilizzare strutture che permettano di svolgere attività particolari, come il calcio balilla umano. Naturalmente è possibile attrezzarsi per svolgere attività ugualmente divertenti anche al chiuso, durante la stagione invernale.

Contattaci per organizzare il tuo prossimo team-building!

Vele al vento!

eventi aziendali estivi mare lago barca a velaLa vela è uno sport dal fascino intramontabile. A qualcuno potrà sembrare un passatempo elitario, ma in realtà si tratta di una delle attività più complete che si possano intraprendere. Oltre a garantire un sano esercizio fisico in mezzo alla natura – nello specifico al mare e al lago – permette di allenare anche la mente e lo spirito. Per guidare una barca a vela, infatti, è necessario comunicare, lavorare in armonia e coordinare gli sforzi. Inutile dire che tutte queste abilità sono preziose, quando ci si trova a lavorare in team su qualsiasi progetto, anche se non si rischia di cadere fisicamente in acqua. Il team building in barca a vela coniuga il piacere di un’esperienza insolita, a contatto con la natura, con quello della sfida, che non manca mai di suscitare entusiasmo in chi la vive. Ci si trova davanti a soluzioni che richiedono di pensare in fretta, spesso nello spazio di pochi secondi, e di prendere decisioni dalle conseguenze immediate. L’unico modo per portare a termine un percorso con successo è dividere il lavoro e stabilire ruoli precisi, così da permettere a ognuno di specializzarsi e svolgere al meglio una parte del lavoro collettivo. Ogni singolo individuo è indispensabile, ma nessuno può arrivare al traguardo senza l’aiuto degli altri. Riuscite a immaginare una metafora più perfetta per il lavoro di gruppo? Proprio per questo la vela è uno degli sport più richiesti da chi vuole organizzare un team building.

Emozioni fra le rapide

Se il vostro team ama le sfide, lo sport e le emozioni forti, il rafting è l’attività di team building che fa per voi. Contrariamente a quanto si pensa, non è necessaria una preparazione atletica particolare per cimentarsi con questa pratica sportiva – ma è essenziale affidarsi a un team di professionisti per accertarsi che tutto si svolga nella più totale sicurezza e su un percorso adatto anche ai principianti. Certo, per quanto “facile”, nessun percorso di rafting è una passeggiata: si tratta pur sempre di cavalcare le rapide di un fiume a bordo di un canotto, sfidando la corrente. Per questo, a bordo, c’è sempre anche un istruttore, che fa da guida e insegna al team come lavorare all’unisono per tenere dritta l’imbarcazione e procedere nella direzione desiderata. Le precauzioni necessarie sono semplici: basta munire tutti i membri del team di mute e calzature adatte, caschi protettivi e giubbotti salvagente, così da garantire la massima sicurezza anche nel caso – non del tutto improbabile – di un tuffo in acqua. Il rafting è un’esperienza intensa, che permette di sviluppare una profonda fiducia reciproca in un tempo davvero ridotto, come spesso accade con gli sport estremi e i percorsi d’avventura. La natura, nella forma del corso impetuoso di un fiume, lascia poco spazio al dibattito e alla riflessione: lavorare insieme, in fretta e in armonia diventa una necessità imprescindibile.

Prenota subito un'esperienza come questa per il tuo team

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Angela

Vive, scrive e lavora per lo più a Berlino, ma usa il nomadismo digitale come scusa per prendersi delle lunghe vacanze. Torna spesso in Italia perché le radici sono importanti e il caffè è indispensabile. Divide il tempo equamente fra marketing, musica sinfonica, indie rock e sperimentazione culinaria. Quando non scrive e non prepara marmellate, di solito costruisce mobili. Non ha ancora capito il senso della vita, ma quando lo capirà non lo prenderà sul serio e si lascerà sfuggire l’opportunità di scrivere un best seller sull’argomento.

Lascia un Commento