Perché il marketing esperienziale è meglio di Antonio Banderas - Il blog di Smart Eventi
Digital Marketing Eventi Temporary Shop

Perché il marketing esperienziale è meglio di Antonio Banderas

marketing esperienziale
Scritto da Angela

“Comprate il nostro prodotto, perché è buono”. Riuscite a immaginare quante vendite seguirebbero oggi a uno spot o a un annuncio cartaceo di questo genere? La storia della pubblicità è una materia affascinante, una di quelle durante le quali non ci si addormenta quando si frequentano i cinema che ospitano i corsi universitari di Scienze della Comunicazione (nelle università pubbliche: quelle private hanno un campus). Studiando l’evoluzione dei messaggi commerciali dalla nascita a oggi, si notano due tendenze fondamentali. La prima è il progressivo abbandono dell’approccio descrittivo, orientato all’elogio delle qualità del prodotto, a favore di quello emotivo, volto a creare una connessione profonda fra il marchio e il potenziale utente. La seconda è la proliferazione esponenziale dei messaggi pubblicitari, che ha in larga parte desensibilizzato il pubblico, rendendo molto più difficile ottenere l’attenzione di chiunque per più di pochi secondi. Fortunatamente questo non vuol dire – per ora – che la società civile sia popolata da individui con la capacità di concentrazione di un pesce rosso, ma semplicemente che l’eccessiva sollecitazione visiva e uditiva ha smesso di produrre reazioni apprezzabili. Non occorre essere nativi digitali per capire quando qualcuno sta cercando di venderci qualcosa e adottare automaticamente un atteggiamento di difesa rispetto a questa tentata intrusione. Di fatto, nonostante sia ormai diffusa l’abitudine di comparare prezzi e prodotti online prima di effettuare un acquisto, la maggior parte delle ricerche in materia sono concordi nell’affermare che le decisioni di acquisto sono ancora basate per circa il 70% su fattori emotivi e che la connessione emozionale con un marchio influisce più della qualità del prodotto nella scelta del cliente di essere fedele a un brand. Qui entra in gioco il marketing esperienziale.

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Angela

Editrice e co-fondatrice dell'agenzia di comunicazioni Fiore & Conti Gbr. Vive e lavora a Berlino

Lascia un Commento