Sponsorizzare un evento virtuale: ecco tre formule efficaci e convenienti
Eventi

Sponsorizzare un evento virtuale: ecco tre formule efficaci e convenienti

sponsorizzare un evento virtuale
Avatar
Scritto da Angela

Gli eventi virtuali sono entrati a far parte della nostra vita in modo stabile. Tutta la macchina organizzativa che circonda mostre, conferenze, fiere e incontri di ogni genere ha imparato a traslare i propri meccanismi dalla dimensione reale a quella virtuale, trovandosi a fronteggiare analogie e differenze, soprattutto in termini di costi e copertura delle spese. Quando parliamo di eventi virtuali, infatti, si pone in modo completamente nuovo la questione degli sponsor: come si calcola il ROI di una sponsorizzazione? Perché e a quali condizioni ai brand conviene sponsorizzare un evento virtuale? Cosa possono fare gli organizzatori per elaborare proposte davvero convenienti per i potenziali sponsor? Nel nuovo universo degli eventi, le domande sono tante. Ecco alcune idee per rendere competitiva l’offerta di sponsorship per gli eventi che si svolgono su piattaforme interamente digitali o ibride.

Sponsorizzare un evento virtuale: ecco tre formule efficaci e convenienti

Coinvolgere gli sponsor nella creazione dei contenuti

I banner o i video pubblicitari introduttivi, da riprodurre prima o a lato di uno dei contenuti della conferenza, sono formati popolari e facili da vendere, ma presentano un punto debole: l’abitudine ormai consolidata nel pubblico a ignorare i contenuti che appaiono come esplicitamente commerciali. Per uno sponsor non è più sufficiente limitarsi a “esistere” a esserci nello spazio dell’evento, perché lo spettatore ha sviluppato la capacità, in anni di spot su tutte le piattaforme, di parcellizzare la propria attenzione, dedicandola solo a ciò che davvero lo interessa. Per questo è molto più efficace mettere lo sponsor nelle condizioni di avere qualcosa da dire, di contribuire al discorso su temi che coinvolgano davvero il target di riferimento. Nel caso di una fiera o di una conferenza, questo può voler dire sponsorizzare un talk, offrendo uno spazio al brand per sviluppare concetti e contenuti in modo articolato e che abbia senso nel contesto professionale in cui ci si trova. In questo modo, allo sponsor verrà offerta una piattaforma di primo piano, che il pubblico potrà accogliere con interesse, purché il contenuto sia confezionato con cura e puntando alla qualità.

Vuoi organizzare un evento virtuale? Contattaci!

Valorizzare la presenza fisica negli eventi ibridi

La diffusione degli eventi ibridi ha dato origine a un nuovo modo di classificare le esperienze, sia intellettualmente che emozionalmente. Abbiamo imparato a valorizzare tutto ciò che avviene online come altrettanto valido e importante rispetto alle esperienze in presenza, ma la prolungata assenza di queste ultime ha creato un senso di esclusività che ci emoziona, quando possiamo finalmente trovarci nello stesso spazio fisico a condividere un evento dal vivo. Questo vuol dire che, nel contesto degli eventi ibridi, è possibile conferire un senso di unicità agli elementi sponsorizzati, approfittando della maggiore carica emotiva che la parte in presenza dell’evento genera rispetto a quella in remoto. Per questo, brandizzare gli elementi fisici, in questo momento storico, è un’ottima idea. Si possono recuperare idee classiche, come i gadget da regalare, ma anche espandere l’esperienza fisica lavorando sulla multisensorialità, creando un’atmosfera che sia coerente con l’identità dello sponsor ma che non si componga solo di ripetizioni visive del logo, ma anche di suoni, profumi, esperienze tattili.

Se si sceglie il video, puntare sulla varietà

Nessuno ha più voglia di passare ore davanti a una galleria di mezzi-busti su Zoom. Qualsiasi cosa scegliate di proporre ai vostri sponsor in termini di presenza promozionale, se si tratta di un contenuto video dal vivo, evitate questo tipo di inquadratura e di contenuto. Certo, i contenuti dal vivo e interattivi sono da preferirsi ai classici spot pre-registrati ed è quindi auspicabile avere un rappresentante dello sponsor che gestisca un segmento di interazione diretta con il pubblico, ma per la creazione di questo tipo di contenuti è indispensabile affidarsi a professionisti che sappiano garantire produzioni di qualità. Lavorare con la realtà virtuale, gli ambienti 3D o anche semplicemente una regia video di alta qualità permette ai brand che scelgono di sponsorizzare eventi virtuali di presentarsi al pubblico in modo memorabile, creando una connessione davvero efficace con lo spettatore e arricchendo l’esperienza dell’evento stesso.

Vuoi diventare sponsor di un evento virtuale? Contattaci!

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Avatar

Angela

Vive, scrive e lavora per lo più a Berlino, ma usa il nomadismo digitale come scusa per prendersi delle lunghe vacanze. Torna spesso in Italia perché le radici sono importanti e il caffè è indispensabile. Divide il tempo equamente fra marketing, musica sinfonica, indie rock e sperimentazione culinaria. Quando non scrive e non prepara marmellate, di solito costruisce mobili. Non ha ancora capito il senso della vita, ma quando lo capirà non lo prenderà sul serio e si lascerà sfuggire l’opportunità di scrivere un best seller sull’argomento.

Lascia un Commento