Organizza un team building da remoto: ecco 3 attività da provare
Team Building

Organizza un team building da remoto: ecco 3 attività che piaceranno ai tuoi dipendenti!

Avatar
Scritto da Angela

Negli ultimi mesi abbiamo imparato a conoscere il team building da remoto e a capire che segue regole molto diverse da quelle che si applicano al team building tradizionale. Sappiamo che, nei prossimi mesi e nei prossimi anni, dovrà cambiare la cultura aziendale di moltissimi brand e che anche il team building ne sarà influenzato. Per questo abbiamo avviato, fin dall’inizio da questa crisi, un’attività di consulenza dedicata al team building da remoto, con attività sempre nuove pensate per aiutare il tuo team a mantenersi produttivo e propositivo anche a distanza. Ecco qualche idea alla portata di tutti.

Organizza un team building da remoto: ecco 3 dei nostri Smart Team Building che piaceranno ai tuoi dipendenti!

Smart Workers Hunted

Abbiamo ideato per voi una insolita al miglior Team di SMART Workers, che abbina un tour virtuale d’Italia ad una serie di prove interattive e divertenti. I partecipanti verranno suddivisi in team e il superamento delle diverse prove determinerà il punteggio sia personale che di team. Il tutto, ovviamente, dal comfort del proprio home office. Le attività sono interamente customizzabili e prevedono la possibilità di collegarsi anche tramite dispositivi come tablet e smartphone, per rendere lo svolgimento più dinamico. Il nostro team provvederà a supportarvi e a creare un video emozionale da mostrare durante la conference finale, quando si decreta il vincitore. Lo scopo di questo team building da remoto è fortificare il vostro “smart team”, migliorando il problem solving e la gestione del tempo.

Contattaci per il tuo prossimo team building

Drum Home

Questo è un altro dei nostri grandi classici riadattato per funzionare come team building da remoto: stiamo parlando del drum circle, trasformato, per l’occasione, in “Drum Home”. Come tutte le attività basate sul ritmo e sulla musica, questo team building ha un forte impatto emotivo sui partecipanti e aiuta a creare una grandissima sintonia. Lo scopo è la composizione del “jingle aziendale”, attraverso un lavoro coordinato sul testo, sul ritmo e sugli strumenti da usare. La creatività è la protagonista assoluta di questo team building! Una volta creato, il jingle dovrà essere suonato da tutto il team in video conferenza. Lavorare insieme con la musica aiuta a capire l’importanze dei ruoli individuali all’interno di un gruppo e incoraggia la coordinazione e l’attenzione all’altro: senza ascolto, infatti, non c’è armonia.

Chef Academy

Un altro team building culinario, ispirato alle prove da “chef amatoriali” in cui tutti abbiamo provato a cimentarci in questi ultimi mesi, fra tutorial video e corsi online, fra tentativi maldestri di imparare a fare il pane fino alle più elaborate torte fatte in casa. Questo team building da remoto trasferisce tutto questo entusiasmo culinario in una competizione fra colleghi. I partecipanti, infatti, dovranno sfidarsi nel realizzare una ricetta, da ricreare passo dopo passo per raggiungere il miglior risultato. Certo, come per il nostro “Schiscetta Challenge”, sarà soprattutto l’impiattamento a contare nel giudizio altrui, ma senza dubbio il divertimento e l’assaggio finale, magari da condividere con la famiglia, faranno parte del divertimento. Questo team building è anche molto flessibile, poiché può essere proposto come attività di competizione singola, oppure può prevedere la creazione, da parte di ogni team, di un menu completo. Inoltre la preparazione può avvenire in live streaming o essere ripresa e fotografata in per poi confluire in un video da condividere fra tutti i partecipanti. Lo scopo? Divertirsi insieme, stimolando al contempo la creatività e il problem solving. E, naturalmente, godersi un piatto prelibato alla fine!

Vuoi organizzare questi team building per la tua azienda? Contattaci!

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Avatar

Angela

Vive, scrive e lavora per lo più a Berlino, ma usa il nomadismo digitale come scusa per prendersi delle lunghe vacanze. Torna spesso in Italia perché le radici sono importanti e il caffè è indispensabile. Divide il tempo equamente fra marketing, musica sinfonica, indie rock e sperimentazione culinaria. Quando non scrive e non prepara marmellate, di solito costruisce mobili. Non ha ancora capito il senso della vita, ma quando lo capirà non lo prenderà sul serio e si lascerà sfuggire l’opportunità di scrivere un best seller sull’argomento.

Lascia un Commento

Ho letto e compreso l’informativa privacy e do il consenso al trattamento dei tuoi dati per la finalità promozionale punto 2) dell’informativa