Come creare una strategia di marketing su TikTok per la tua azienda
Web Marketing

Come creare una strategia di marketing su TikTok per la tua azienda

Avatar
Scritto da Angela

Di TikTok abbiamo già parlato: è il social dei giovanissimi, che gli adulti non usano (o usano in modo imbarazzante) e solo di recente si è aperto alla pubblicità. Il potenziale virale di questa piattaforma è balzato all’attenzione del mondo quando una comunità di adolescenti fan del pop coreano l’hanno utilizzata per organizzare il più efficace boicottaggio della storia recente, in occasione di un comizio organizzato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump. La maggior parte delle aziende, però, non ha ancora la minima idea di come utilizzare questo social o di come possa svilupparsi una strategia di marketing su TikTok. Oggi vedremo insieme che tipo di contenuti funzionano su TikTok, come collocare questa piattaforma all’interno della propria strategia di marketing generale.

TikTok non fa per tutti

Con TikTok ci si presenta immediatamente un problema, quello della cosiddetta FOMO (Fear Of Missing Out). Con questo termine si indica una generica ansia di perdersi qualcosa di importante, un’esperienza che tutti gli altri sembrano condividere e che a noi è preclusa. La “FOMO” nel marketing porta a cercare spasmodicamente di utilizzare qualsiasi nuovo strumento, piattaforma o tecnica solo perché è “in”, perché va di moda e perché lo fanno tutti, senza però avere idea di come farlo né sapere se sia effettivamente l’opzione più adatta alla nostra situazione. Con TikTok questo fenomeno si rende abbastanza evidente. Tutti vogliono essere su questa piattaforma, perché è la più popolare del momento, perché è moderna, perché ha un numero di utenti attivi in crescita esponenziale e perché l’engagement medio sembra essere altissimo. Questo non vuol dire però che il pubblico di questa app sia ricettivo a ogni tipo di messaggio. La base d’utenza di TikTok negli USA, per esempio, è composta al 60% da giovani fra i 16 e i 24 anni. Se il profilo del tuo cliente ideale ne ha più di 30, è probabile che questa piattaforma non faccia per te. Occorre poi considerare le nicchie di mercato al cui interno gli utenti di TikTok sono più attivi. Se la tua azienda si occupa di moda, musica, videogiochi, tecnologia o cibo, allora una strategia di marrketing su TikTok potrebbe essere perfetta per promuovere il tuo brand. Se invece il tuo ambito di riferimento è quello dei servizi, come ad esempio le assicurazioni, probabilmente ti conviene cercare altrove.

Vuoi rinnovare la tua strategia di SMM? Contattaci!

Il segreto per comunicare su TikTok? Non pretendere di avere il controllo su tutto

Il potenziale di viralità su TikTok è altissimo, ma bisogna sempre ricordare che la sua forza sono i contenuti creati dagli utenti. Il brand non può far altro che creare un format, che gli utenti possono riempire con le proprie creazioni. Per questo una buona strategia di marketing su TikTok non si basa tanto sulla creazione di contenuti, ma sulla creazione di un universo di significati che gli utenti abbiano voglia di esplorare creativamente. Questo tipo di sistema non è adatto ai brand che impongono linee guida molto rigide su come debba articolarsi la comunicazione.

Non aspettarti di vendere direttamente su TikTok

Gli influencer e gli utenti di TikTok sono abituati all’autodeterminazione e a vivere il social in modo estremamente attivo, a differenza di quanto avviene, per esempio, su Facebook. Per questo motivo si tratta di un pubblico fortemente refrattario alle campagne di vendita. Una buona strategia di marketing su TikTok, pertanto, non deve fare perno interamente sulla CTA destinata alla conversione, ma concentrarsi sulla brand awareness, sulla fidelizzazione e sul rafforzamento delle componenti identitarie che legano il brand al suo pubblico.

Quali strumenti si possono utilizzare per una strategia di marketing su TikTok?

Esistono diversi tipi di formati pubblicitari su TikTok, adatti a esigenze diverse. I cosiddetti “Brand Takeover” possono apparire sotto forma di contenuti video o immagini fisse, collegabili alla landing page o a un hashtag challenge. I Brand Takeover sono esclusivi per le loro categorie, quindi ogni slot (per esempio moda o musica) può ospitare un solo marchio al giorno. Ci sono poi i classici video ad nativi, che durano fra i 9 e i 15 secondi e possono essere saltati, proprio come quelli di Youtube. Per renderli efficaci è necessaria una qualità si produzione elevatissima. Gli hashtag challenge sono fra i formati più utili ed efficaci, perché permettono al brand di inserirsi in uno dei tratti più caratteristici e più amati dagli utenti di TikTok: le sfide. Le cosiddette “Brand Lenses” sono l’equivalente dei filtri di Instagram e funzionano sullo stesso modo.

Conclusioni

TikTok non è la panacea del marketing, ma è senz’altro uno strumento potentissimo per comunicare con le giovani generazioni. Se pensi che il tuo brand sia adatto a questa piattaforma, comincia a porti gli obiettivi giusti e avvia la tua strategia di marketing su TikTok!

Contattaci per creare la tua prossima campagna social!

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Avatar

Angela

Vive, scrive e lavora per lo più a Berlino, ma usa il nomadismo digitale come scusa per prendersi delle lunghe vacanze. Torna spesso in Italia perché le radici sono importanti e il caffè è indispensabile. Divide il tempo equamente fra marketing, musica sinfonica, indie rock e sperimentazione culinaria. Quando non scrive e non prepara marmellate, di solito costruisce mobili. Non ha ancora capito il senso della vita, ma quando lo capirà non lo prenderà sul serio e si lascerà sfuggire l’opportunità di scrivere un best seller sull’argomento.

Lascia un Commento

Ho letto e compreso l’informativa privacy e do il consenso al trattamento dei tuoi dati per la finalità promozionale punto 2) dell’informativa