Torsion gala: cena aziendale in una chiesa sconsacrata a Milano
Catering e Cene

Torsion gala: cena aziendale in una chiesa sconsacrata a Milano

Avatar
Scritto da Angela

Ci sono eventi che, più di altri, danno l’impressione di essere estremamente formali e costruiti a partire da uno schema fisso. L’esempio più classico è quello della cena aziendale: già in passato abbiamo avuto modo di parlare di questo tipo di eventi e di come generalmente siano associati a occasioni speciali, da celebrare nel massimo della formalità e seguendo parametri piuttosto rigidi. Noi di Smart Eventi, tuttavia, amiamo rompere gli schemi e giocare con i formati, per mantenere la nostra offerta sempre fresca e stimolante. E qualche volta abbiamo l’occasione per innovare anche eventi “classici” come le cene aziendali o addirittura le cene di gala.

Torsion Gala: il progetto

Quando la società di sviluppo e costruzione Torsion Group ci ha contattato per organizzare una serata indimenticabile, abbiamo capito subito di avere la possibilità di proporre qualcosa di davvero unico e creativo. I nostri interlocutori erano decisamente aperti alle idee originali e alle soluzioni fuori dagli schemi. Prima di tutto, ci siamo basati sulla dimensione dell’evento: si trattava di una cena a buffet con open bar per un gruppo di 50 persone: assai più della media delle cene aziendali, ma meno di quanto non capiti, per esempio, per una cena di gala. Inoltre abbiamo individuato immediatamente, nel cliente, un certo gusto per le soluzioni uniche e creative e la predisposizione a lasciarsi sorprendere. E quindi ci siamo divertiti a fare scelte… sorprendenti.

Primo obiettivo: la location

A Milano, in zona Sempione, abbiamo individuato una location fra le più belle e suggestive che si possano desiderare per un evento di questo genere. Si tratta di una chiesa sconsacrata, che viene attualmente affittata per eventi di ogni genere. Fra tutti i progetti di recupero e di cambio della destinazione d’uso, le chiese sconsacrate meritano senza dubbio un posto d’onore. Una volta venuta meno la funzione del culto, infatti, una chiesa diventa a tutti gli effetti un edificio come tutti gli altri, eppure la sua architettura racconterà sempre una storia diversa. Entrando in una struttura che la nostra mente riconosce immediatamente come una chiesa, infatti, siamo sempre più predisposti a una risposta emotiva forte, inclini ad assaporare le esperienze. L’atmosfera di un edificio come questo, con la caratteristica navata e l’abside, con l’elegante balconata e l’acustica dai forti riverberi, ha sempre un che di misterioso.

Contattaci per organizzare qui la tua prossima cena aziendale!

Catering e allestimenti: tutto deve contribuire all’atmosfera di un gran gala!

Naturalmente non è una novità l’uso di chiese sconsacrate per eventi “profani”, ma è ancora decisamente ridotto il numero di aziende che hanno il coraggio di scegliere una location come questa per le loro cene aziendali. Qui abbiamo dunque allestito un sontuoso buffet proprio sulla balconata, così che i nostri ospiti potessero consumare la cena godendo a pieno della vista dell’architettura che li circondava. Dalle 23.00 in poi, la chiesa ha nuovamente cambiato “pelle”: non più luogo di raccoglimento, ma neanche location per cene aziendali, bensì discoteca con open bar. I nostri ospiti hanno avuto accesso al corpo centrale dell’edificio, che era stato equipaggiato di un graditissimo open bar, per scatenarsi tutta la notte al ritmo del raffinato DJ-set da noi proposto. L’evento è stato un successo e ha raccolto il plauso tanto del committente quanto dei partecipanti.

Vuoi organizzare un evento come questo? Contattaci!

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Avatar

Angela

Vive, scrive e lavora per lo più a Berlino, ma usa il nomadismo digitale come scusa per prendersi delle lunghe vacanze. Torna spesso in Italia perché le radici sono importanti e il caffè è indispensabile. Divide il tempo equamente fra marketing, musica sinfonica, indie rock e sperimentazione culinaria. Quando non scrive e non prepara marmellate, di solito costruisce mobili. Non ha ancora capito il senso della vita, ma quando lo capirà non lo prenderà sul serio e si lascerà sfuggire l’opportunità di scrivere un best seller sull’argomento.

Lascia un Commento

Ho letto e compreso l’informativa privacy e do il consenso al trattamento dei tuoi dati per la finalità promozionale punto 2) dell’informativa