LinkedIn sfida Clubhouse e lancia le Stanze Audio - Il blog di Smart Eventi
Digital Marketing Web Marketing

LinkedIn sfida Clubhouse e lancia le Stanze Audio

Avatar
Scritto da admin

Quando una nuova piattaforma introduce un elemento davvero innovativo, è solo questione di tempo prima che il nuovo formato venga implementato anche da altre piattaforme, non necessariamente concorrenti. Lo abbiamo visto succedere con le storie e i reel e con il rincorrersi di Instagram e TikTok e ora lo vediamo anche con quella che è stata considerata la più grande innovazione social del 2021: Clubhouse. La risposta entusiasta del pubblico allo spostamento della comunicazione social sui formati audio ha spinto a una serie di emulazioni, la più interessante delle quali sembra essere quella di LinkedIn. È infatti stata confermata la prossima introduzione delle Stanze Audio.

Come funzioneranno le stanze audio di LinkedIn

La nuova funzione promessa da LinkedIn permetterà agli utenti di creare stanze audio designando gli speaker. Gli altri utenti potranno unirsi in qualità di pubblico, quindi solo per ascoltare, oppure chiedere di poter prendere parte alla discussione usando il proprio microfono, un po’ come avviene nella funzione webinar di Zoom. Chiaramente l’obiettivo di LinkedIn è quello di creare un’esperienza audio che si concentri sull’identità professionale degli utenti e sul networking diretto. La piattaforma sta anche considerando di integrare le funzioni audio all’interno di quelle già esistenti del social network, come i gruppi e gli eventi, per arricchire anche gli aspetti già consolidati della UX.

Vuoi rinnovare la tua strategia di SMM? Contattaci!

Come cambiano le interazioni su LinkedIn

Nonostante il focus di LinkedIn sia più specifico e ristretto rispetto a quello di social come Twitter e Facebook, le nuove funzioni recentemente introdotte dalla piattaforma – soprattutto le storie – hanno riscosso un successo enorme. La condivisione di video e contenuti estemporanei mostra chiaramente un desiderio degli utenti di applicare maggiore creatività alla gestione delle loro identità professionali online. In questo senso, LinkedIn intende concentrarsi sullo sviluppo di nuovi profili per i creatori, che permettano di caricare e gestire contenuti multimediali di tipo diverso e con diverse funzioni, rendendo l’esperienza degli utenti sempre più varia e interessante.

Perché la concorrenza di LinkedIn fa paura a Clubhouse

Il lancio di Clubhouse è stato senza dubbio un successo, ma non si può dire che sia stato privo di ostacoli e contrattempi. Da un lato, molti utenti sono restii a utilizzare l’app a causa dei dubbi sollevati sulla sicurezza dei dati e sulla privacy. Dall’altro, un vasto bacino di potenziali utenti è escluso dall’utilizzo dell’app, poiché questa non è disponibile su Android (la versione per Apple è al momento in fase sperimentale e disponibile solo agli utenti USA). Da questo punto di vista, l’ingresso nel mercato delle Stanze Audio di concorrenti come LinkedIn, Twitter o Facebook rappresenta per Clubhouse una minaccia concreta, dal momento che il servizio sarebbe immediatamente disponibile a tutti gli utenti i cui sistemi operativi sono al momento esclusi dalla app di Alpha Exploration. Senza contare il fatto che l’utilizzo non richiederebbe più che un aggiornamento di app già esistenti, senza bisogno di scaricare nuovo software. LinkedIn in particolare potrebbe sfruttare il focus della propria utenza, che riconosce l’indubbio potenziale delle interazioni vocali nell’accelerare la creazione di contatti professionali di qualità.

Contattaci per creare la tua prossima campagna social!

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Avatar

admin

Lascia un Commento

Ho letto e compreso l’informativa privacy e do il consenso al trattamento dei tuoi dati per la finalità promozionale punto 2) dell’informativa