Live streaming: come usarlo nella tua promozione - Il blog di Smart Eventi
Web Marketing

Live streaming: come usarlo nella tua promozione

live streaming social
Scritto da Angela

Una delle attività preferite dei marketer è monitorare il gradimento dei diversi formati comunicativi. C’è stato il periodo delle immagini su Facebook, che generavano più engagement di qualsiasi altro supporto, seguito dal periodo delle gif e dei cinemagraph e probabilmente ci saranno ancora sviluppi che oggi non sappiamo prevedere. Una tipologia di contenuto, tuttavia, è rimasta costantemente sulla cresta dell’onda: il video. E fra i diversi tipi di contenuti video, l’ultimo ciclone nel campo dello storytelling è sicuramente il live streaming sui social media. Il grandissimo pregio di questo formato? L’eliminazione di tutte le fasi di postproduzione e la possibilità di trasmettere un senso autentico di spontaneità, presentando l’aspetto più squisitamente umano di ogni messaggio. In altre parole, i social media si sono riappropriati dell’improvvisazione, che sembrava sparita in un mondo in cui le foto si ritoccano fino a renderle irriconoscibili e ogni post viene corretto da un team di cinque persone.

Il bello della diretta

C’è un elemento di emozione nel pensare a un brand, una celebrità, un artista o una figura istituzionale che condivide un momento reale, ripreso con lo smartphone, al di fuori di uno studio televisivo. Durante un live streaming tutto può succedere, almeno in teoria. Non c’è possibilità di editing, non è possibile far passare per “live” qualcosa che non lo è, quindi l’elemento dell’autenticità è implicito nel formato stesso della condivisione. Questo rende il live streaming particolarmente adatto per regalare al pubblico esperienze insolite, come inaspettati backstage o Q&A con gli utenti collegati. Alcuni vivono con una certa apprensione l’idea di esporsi senza filtri e senza “script” alla curiosità del pubblico, ma è proprio quello il valore aggiunto di questo tipo di comunicazione. Se si vuole costruire un rapporto di solida fiducia con il proprio seguito, è importante dimostrare che si è in grado di abbandonare il comando per un po’, di non controllare ossessivamente ogni aspetto della comunicazione, di lasciarsi vedere per ciò che si è, senza le luci di uno studio televisivo, senza un team di marketer a vagliare ogni parola e senza sapere ciò che potrà accadere.

Hai bisogno di una strategia social? Contattaci subito per crearne una efficace

Un nuovo modo di fornire assistenza

Abbiamo parlato molto dell’importanza di un buon customer service e di tutte le possibilità che la tecnologia ci offre per migliorare il servizio, dai chatbot alle newsletter. Di recente, alcuni brand hanno sperimentato qualcosa di completamente nuovo: l’assistenza clienti in live streaming, in formato Q&A. Il funzionamento di questo format è semplice: si annuncia la data e l’orario del live streaming e si invitano i clienti a collegarsi per rivolgere domande a un team di esperti o di consulenti specializzati. In questo modo si dimostra di essere attenti alle esigenze dei clienti e di volerle soddisfare con un servizio di qualità, ma al tempo stesso si crea un evento social, trasformando il customer care in un esercizio di marketing e branding.

Ogni brand è un medium

Una parte importante della costruzione della propria brand identity è la capacità di diventare punti di riferimento all’interno della propria industria. Per questo motivo, da ormai molti anni, le aziende corteggiano gli influencer, cercando di convincerli a parlare del loro prodotto e spesso pagandoli profumatamente per farlo. Il live streaming permette di cambiare le carte in tavola. Per una volta possono essere i brand a intervistare l’influencer, parlando invece della sua carriera e facendo domande pertinenti sui temi dei quali l’influencer è più esperto. In questo modo, pur non facendo diretta pubblicità al prodotto, si colloca il brand in una posizione di privilegio, facendolo percepire come un interlocutore importante all’interno di quello specifico settore. Senza contare il fatto che ospitare un noto influencer può portare moltissimo traffico sui canali social dell’azienda. Tornando a tecniche di influencer marketing più tradizionali, si può anche dare in gestione il proprio live streaming a un influencer per un giorno, creando un evento mediatico volto ad attirare traffico qualificato sui propri canali.

Gli errori da evitare nel live streaming

Prima di tutto, non bisogna cercare di essere perfetti. Se pensate che un video degno di questo nome abbia bisogno di un direttore della fotografia, di uno studio, di un microfono professionale e di un set, vi sbagliate. O meglio, normalmente è così, ma nel live streaming tutti questi elementi sono dannosi, oltre che inutilmente dispendiosi. Un video troppo “prodotto” darà l’impressione di non essere autentico, vanificando il senso stesso del live streaming. Coinvolgete il vostro pubblico con l’autenticità, non con gli effetti speciali. Ricordatevi anche che il bello della diretta social è l’interazione: non comportatevi da “broadcaster”, come se steste conducendo una trasmissione televisiva degli anni 80. Leggete i commenti, rispondete alle domande, non ignorate le critiche. Rendersi disponibili e dimostrarsi aperti e onesti è l’unico modo per guadagnarsi la fiducia e il rispetto del pubblico.

Contattaci subito per creare la tua strategia social!

Iscriviti alla newsletter

Informazioni sull'autore

Angela

Vive, scrive e lavora per lo più a Berlino, ma usa il nomadismo digitale come scusa per prendersi delle lunghe vacanze. Torna spesso in Italia perché le radici sono importanti e il caffè è indispensabile. Divide il tempo equamente fra marketing, musica sinfonica, indie rock e sperimentazione culinaria. Quando non scrive e non prepara marmellate, di solito costruisce mobili. Non ha ancora capito il senso della vita, ma quando lo capirà non lo prenderà sul serio e si lascerà sfuggire l’opportunità di scrivere un best seller sull’argomento.

Lascia un Commento